Un amore al tempo della primavera di Praga

Un amore al tempo della primavera di Praga

Le pagine di questo romanzo sono segnate da momenti in cui, con assoluta sovranità, prevalgono le forti emozioni e i sentimenti (il loro nascere e divenire, la passione, la gioia, il dolore...) sullo sfondo, non secondario, dell'organizzazione di una spettacolare azione dimostrativa da compiere sul ponte principale di Praga, il Carlo.

Il tutto accade durante i tristi giorni dell'invasione della Cecoslovacchia da parte dei carri armati sovietici, nell'agosto del 1968. Il romanzo coglie l'opportunità per raccontare la gente di Praga e il loro sentire in quegli anni bui e malinconici, quando il fil di ferro spinato correva lungo le frontiere e l'Europa unita era solo un sogno. Desideri, rinunce, solidarietà, sentimenti patriottici nulla possono contro un destino segnato: quello dei più forti da un lato e quello di un grande amore giovanile dall'altro narrato con tenerezza, dentro gli eventi, da un tempo pieno di entusiasmo e speranze al "dopo Berlino", all'Europa allargata, ai giorni nostri.