Periferie dell'anima

Periferie dell'anima

Questo è un libro di incontri ed esplorazioni in quei territori dove oggi maturano le più intense, ma anche più interessanti, crisi di identità: quelle che coinvolgono le nuove generazioni meticce, gli angloasiatici di Londra e Birmingham, i "beur" di Lione e Marsiglia, i giovani immigrati nordafricani di Milano. Nel vuoto dei riferimenti, in balia di fondamentalismi striscianti e disoccupazione, le generazioni più giovani sono salvate solo dalle nuove culture cosmopolite del "ragamuffin" alla Apache Indian, dei vari "cheb" della musica raï o dei rapper delle banlieue, con la loro poetica che guarda oltreoceano ai fratelli neri delle metropoli statunitensi.